Certificato protettivo complementare (CPC)

Proroga della durata di protezione per medicinali e prodotti fitosanitari il cui brevetto è scaduto

  

Per utilizzare a scopo commerciale le invenzioni brevettate in campo sanitario e fitosanitario, è necessario che venga rilasciata un’autorizzazione od omologazione ufficiale da parte di un’autorità a tal fine preposta (p. es. Swissmedic, USAV o UFAG). Tale procedura può tuttavia richiedere fino a dieci anni e, dal momento che la durata della protezione ha inizio con il deposito della domanda di brevetto, i titolari possono nel frattempo richiedere un certificato protettivo complementare (CPC). Il CPC proroga la protezione per un prodotto già omologato, ossia un principio attivo o una composizione di principi attivi, per un massimo di cinque anni a partire dalla fine della durata di protezione massima (20 anni), compensando così, in parte, il tempo che è necessario attendere per poter utilizzare il brevetto a scopo commerciale.

 

Criteri per il rilascio di un CPC:

  • il CPC è concesso solo sulla base di un brevetto in vigore e di un’autorizzazione od omologazione ufficiale;

  • la richiesta di CPC deve essere presentata entro sei mesi

    • dalla prima autorizzazione od omologazione ufficiale in Svizzera o
    • dal rilascio del brevetto, nel caso in cui questo sia rilasciato dopo la prima autorizzazione od omologazione ufficiale.

 

Proroga della durata di protezione per medicinali su cui sono effettuati studi pediatrici
Chi effettua studi pediatrici su un medicinale protetto può richiedere una proroga di sei mesi per un CPC già rilasciato o, in mancanza di questo, il rilascio di un CPC cosiddetto «pediatrico», a sua volta della durata di sei mesi.

  
IT: War diese Seite hilfreich?

Questa pagina è stata utile?*

  

Offerte d’impiego