Segni pubblici protetti

Conformemente all’articolo 18 della legge sulla protezione degli stemmi (LPSt) l’IPI gestisce un elenco elettronico dei segni pubblici protetti, che include i segni pubblici della Svizzera (stemmi, bandiere e altri emblemi della Confederazione, dei Cantoni, dei distretti e dei Comuni) e di Stati esteri. Questi ultimi sono comunicati alla Svizzera dall'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI).

 

L’elenco ha essenzialmente lo scopo di informare, promuovere la trasparenza e garantire che siano registrati tutti i segni pubblici, agevolando al contempo il lavoro di attuazione della legge dell’IPI. Sotto il profilo giuridico, la protezione dei segni pubblici non dipende dalla loro iscrizione nell’elenco, ma è fondata su una base legale federale, cantonale o comunale.

 

L’elenco è stato introdotto il 1° gennaio 2017 ed è in fase di allestimento. L’IPI lo aggiorna man mano che arrivano le comunicazioni. Il fatto che un segno non sia (ancora) stato inserito nell’elenco, non significa che non sia protetto. Nei casi in cui manca una traduzione, il segno è iscritto nella lingua della domanda. Per il momento è possibile fare ricerche a testo libero (indirizzo dell’autorità, elementi di testo degli stemmi, colori). In futuro sarà possibile anche effettuare ricerche per colore utilizzando il relativo codice.

  

Emblemi e abbreviazioni protetti delle organizzazioni internazionali

  

La legge federale del 15 dicembre 1961 concernente la protezione dei nomi e degli emblemi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e d’altre organizzazioni intergovernative vieta la registrazione come marchi o elementi di marchi dei seguenti segni di tali organizzazioni:

 

    Gli emblemi e le abbreviazioni protetti sono reperibili nell’elenco dei segni pubblici protetti o sul sito dell’OMPI. La banca dati dei segni citati all’articolo 6ter CUP permette di effettuare ricerche strutturate in francese e in inglese.