Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e protezione della proprietà intellettuale

L'OMC definisce le regole del commercio globale ed elimina le frontiere. Si occupa inoltre di definire criteri minimi multilaterali di protezione per i diritti di proprietà intellettuale che i suoi membri sono tenuti a rispettare.

 

L'OMC  è stata fondata nel 1995 e ha sede a Ginevra. Abolendo le frontiere e regolamentando il commercio tra i suoi 164 Stati membri (stato nel 2016) l'organizzazione si prefigge di promuovere il commercio, la crescita economica e il benessere mondiale. Sotto l'egida dell'OMC sono stati conclusi tre accordi commerciali:

  • il GATT (General Agreement on Trade and Tarifs, scambio di merci);
  • il GATS (General Agreement on Trade in Services, commercio di servizi);
  • e l'accordo TRIPS (Trade-related Aspects of Intellectual Property Agreement, Accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio).
  

Revisione dell'accordo TRIPS dell'OMC

Il 23 gennaio 2017 l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ha rivisto il suo accordo TRIPS. La revisione è finalizzata ad agevolare l'accesso ai medicinali generici dei membri più poveri dell'organizzazione. La modifica riveste un'importanza particolare per i Paesi con una limitata capacità di produzione nel settore farmaceutico. Si tratta della prima revisione di un accordo dell'OMC dall'istituzione dell'organizzazione nel 1995. La Svizzera è stata il secondo Paese a ratificare, in data 13 settembre 2006, la modifica. Il 1° luglio 2008 ha inoltre introdotto una licenza obbligatoria per l'esportazione di prodotti farmaceutici nella legge sui brevetti.

  

Accordo TRIPS

L'Accordo TRIPS definisce standard di protezione minimi multilaterali in tutti gli ambiti della proprietà intellettuale:

  • diritti d'autore e diritti di protezione affini;
  • marche di fabbrica, di commercio e di servizi;
  • indicazioni geografiche;
  • design;
  • brevetti;
  • topografie di microprocessori;
  • segreti d'affari o di fabbricazione.

Include inoltre importanti regole sul diritto procedurale, sull'attuazione dei diritti e sui provvedimenti doganali tesi a contrastare il fenomeno delle contraffazioni e della pirateria. Quale parte della regolamentazione dell'OMC l'accordo è assoggettato alla procedura di composizione delle controversie dell'organizzazione.

  

Consiglio TRIPS

Il Consiglio TRIPS si compone dell'assemblea dei membri dell'OMC. Gestisce l'Accordo TRIPS, ne controlla l'attuazione da parte degli Stati membri e affronta i principali interrogativi relativi agli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio, tra cui:

  • Quali sono gli effetti dell'Accordo TRIPS sull'accesso ai medicinali?
  • Come si può migliorare la protezione delle indicazioni geografiche?
  • In quale modo il sistema dei brevetti può contribuire a evitare la biopirateria?
  • In che modo proteggere la proprietà intellettuale può favorire l'innovazione e lo sviluppo?

Il Consiglio si occupa inoltre della cooperazione tecnica e del trasferimento tecnologico tra Paesi industriali e Paesi meno sviluppati.

  

Quali sono i compiti dell'IPI in seno all'OMC?

  • L'IPI partecipa attivamente alle attività dell'OMC.
  • È alla testa della delegazione svizzera in occasione delle sedute del Consiglio TRIPS.
  • Definisce la posizione della Svizzera in collaborazione con la Segreteria di Stato per l'economia (SECO), con la Missione svizzera a Ginevra e con altri uffici interessati.
  

Proprietà intellettuale e innovazione, un esempio del lavoro dell’IPI in seno all’OMC

La Svizzera e altri Paesi membri dell’OMC mettono regolarmente all’ordine del giorno del Consiglio TRIPS un punto dedicato alle sinergie tra proprietà intellettuale (PI) e innovazione, che, dal 2012, è declinato ogni anno in tre sottotematiche, quali per esempio i vantaggi della PI per le PMI nel contesto di commercio, sviluppo e crescita, le strategie per lo sviluppo di tecnologie a emissioni ridotte e i partenariati tecnologici con le università.

Nel 2018 il Consiglio TRIPS ha deciso di concentrarsi sui vantaggi della proprietà intellettuale per la cosiddetta «new economy» e nel mese di ottobre l’IPI ha preparato un intervento all’attenzione del Consiglio e co-organizzato un panel sul tema (7.11.2018). L'intervento (pdf) è stato co-sponsorizzato (pdf) dal gruppo «Friends of IP and Innovation» e dal Brasile. Al panel (pdf) hanno partecipato il capo economista dell’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI) e tre ricercatori che, grazie ai titoli di protezione, sono riusciti a trasformare il lavoro universitario in una vera e propria attività commerciale. Con esempi pratici, i tre imprenditori hanno spiegato come il brevetto li ha aiutati a raccogliere i fondi necessari per dare il via alla loro start up.

Il dibattito in seno al Consiglio TRIPS (8.11.2018) sui vantaggi della PI per la «new economy» ha coinvolto numerosi membri dell’OMC. Dagli interventi è emerso un quadro abbastanza completo delle misure e degli strumenti statali a disposizione delle giovani aziende, così come è emersa l’importanza del sistema della PI per la crescita economica e lo sviluppo sociale. Nella sua presa di posizione (pdf) la Svizzera ha presentato due start up attinenti alla PI scaturite dalla collaborazione tra le università e Innosuisse.

I temi legati alla PI e all’innovazione finora trattati nel Consiglio TRIPS sono elencati sul sito Internet dell'OMC (dove si trovano anche i link ai contributi dei singoli membri dell’OMC, tra cui la Svizzera).

  
IT: War diese Seite hilfreich?

Questa pagina è stata utile?*

  

Offerte d’impiego